Il Consiglio Europeo di Lisbona del 2000 ha dato inizio ad un processo di accresciuta consapevolezza della centralità delle politiche educative e della formazione nell’ambito di una strategia più ampia volta ad assicurare livelli di crescita economica sostenibile ed insieme a garantire una maggiore coesione sociale.

In tale contesto il Ministero dell’Istruzione, a partire dal 2004, ha avviato un processo denominato “Europa dell’istruzione” che,  nel rispetto delle diverse esperienze locali e dell’autonomia,  sostiene da tempo  azioni volte  alla costruzione di uno spazio europeo dell’educazione e della formazione promuovendo, tra l’altro,  la creazione di reti di scuole che si impegnano a lavorare insieme su aree tematiche,  finalizzate al raggiungimento degli obiettivi fissati dalla Strategia di Lisbona e ribaditi nel programma di lavoro “Istruzione e formazione 2010” approvato al Consiglio dell’Unione Europea nel marzo 2004.

A supporto del processo di “Europa dell’istruzione”, la rete tematica nazionale “Più lingue, più Europa” mette insieme le sinergie di alcune scuole che, sparse su tutto il territorio nazionale, grazie alla loro particolare vocazione ed esperienza nel settore dell’insegnamento delle lingue possano avviare e seguire iniziative finalizzate alla  promozione del multilinguismo  e alla diffusione delle buone prassi per la sua valorizzazione.